child of light

Child of Light – Recensione

PC
Condividi su:

Ubisoft ha sviluppato un titolo molto particolare nella sua semplicità 6 anni addietro. Reso gratuito negli ultimi mesi sullo store Uplay, Child of Light è un videogioco platform in 2D a scorrimento laterale con elementi GDR. Il gioco si ispira alle classiche favole a tema con principesse di regni incantati.


Luce contro Oscurità


child of light

Child of Light inizia con la classica principessa del regno, Aurora, che deve combattere l’oscurità del suo mondo, per mezzo della sua spada e dei suoi fieri compagni che incontrerà durante la sua avventura. Inizialmente la nostra mobilità sembrerà limitata, ma avremo poi comunque diverse possibilità di esplorazione più avanti. Il gioco in sé non è lungo, ma per amor del completismo è possibile superare le 11 ore.

Componente fondamentale come in ogni gioco di ruolo è quella dello sviluppo delle abilità del personaggio. Ogni personaggio si può sviluppare in diverse direzioni e, per sbloccare e potenziare le varie abilità, starà noi a decidere a quale ramo dare priorità. Inoltre è possibile modificare i parametri ed elementi di arma, armatura ed accessori, per mezzo degli Oculi del mondo di gioco. Questi oculi si ottengono combinando in diversi modi i minerali del mondo di gioco per ottenere gemme più potenti e dai diversi effetti a seconda di dove vengono assegnati al personaggio.

child of light

Elemento caratteristico del genere è il sistema “sasso, carta, forbice“, con possibilità di ottenere vantaggi strategici per quanto riguarda danni e resistenze. In questo titolo occorrà saper sfruttare bene le debolezze degli elementi, i punti di forza, e se e quando utilizzarle. Una parte essenziale del sistema a turni è saper sfruttare bene i tempi di questi ultimi. Classico elemento dei JRPG è quello dell’Active Time Battle, funzione risalente ai primi giochi storici della serie Final Fantasy, che ci permetterà di gestire le nostre azioni per mezzo di vari attacchi.


Compagni ed abilità di Child of Light


child of light

Per mezzo del nostro compagno Igniculus, possiamo utilizzare la sua barra della magia per rallentare i movimenti del nemico. Le sue funzioni sono anche il poter raccogliere la magia dall’ambiente e curare in tempo reale i nostri personaggi. Colpi diretti, magie, difesa ed interazioni con altri membri saranno essenziali per liberarci la strada. Un altro importante lato del gameplay è il tempo di cast. Ogni incantesimo o azione particolare richiede un tempo di esecuzione e consumo di magia diverso, in base alla sua potenza e al raggio d’azione.

Saper sfruttare bene i tempi sarà una funziona decisiva per l’esito delle battaglie. Vedere in tempo reale chi attaccherà successivamente, per poi poterlo bloccare prima che lui possa attaccare noi, sarà fondamentale. Durante la preparazione dell’azione, quando l’icona del nostro personaggio nella barra d’attacco raggiungerà la linea rossa, indicherà che stiamo per lanciare il nostro attacco; se un nemico ci attacca prima o viceversa, questa azione bloccherà l’attacco e farà ricominciare l’attesa, con priorità leggermente maggiore. La possibilità di avere status positivi o negativi per mezzo di magie andrà ad influenzare le tempistiche di ogni battaglia.


Considerazioni finali


Child of Light è un titolo unico nel suo genere, lontano dall’essere un capolavoro per storia o gameplay, ma che è comunque in grado di offrire un’esperienza visiva rilassante ed emozionante, il cui comparto musicale mi ha commosso diverse volte durante la storia.


Whiplash93
Sin dalla sua infanzia ha passato anni con il joystick della Playstation 1 in mano. Dalla console è passato poi al PC, adesso non disdegna nessuna piattaforma e vuole arricchire la propria cultura del medium videoludico con ogni mezzo.
Generi preferiti: GDR, Visual Novel, Action, FPS.

Verdetto

7.8

Grafica

7.5/10

Sonoro

8.5/10

Longevità

7.5/10

Gameplay

7.5/10

Pro

  • Musica coinvolgente ed emozionante
  • Varietà nei personaggi e nel loro sviluppo

Contro

  • Il sistema a turni potrebbe risultare ostico per i nuovi al genere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *